In nome di Dio e della patria. I bambini rubati dal regime franchista di Piero Badaloni

imageTrecentomila. Si calcola che sia questo il numero delle vittime di un traffico di bambini durato quarant’anni. Trentamila i casi accertati solo tra il 1939 e il 1945. Un vero e proprio “furto” di massa che ha riguardato la Spagna franchista e che per la prima volta viene raccontato in un libro da una delle più celebri firme del giornalismo italiano. Tutto è partito da una donna, Mar Soriano, che con tenacia e pazienza ha iniziato a metà degli anni Novanta la sua battaglia per rintracciare la sorella Beatriz, nata a Madrid nella clinica O’Donnell il 3 gennaio 1964. Il ginecologo, il dottor Ignacio Villa Elizaga, disse ai genitori che la neonata era morta per una improvvisa otite e che avrebbe provveduto la clinica a farla seppellire nel cimitero di Almuneda. Alla mamma e al papà venne impedito di vedere il cadavere della figlia “per evitare inutili traumi”. Ma nel registro di quel cimitero non c’era alcuna traccia di Beatriz. Quello fu l’inizio di una drammatica scoperta, anni di indagini hanno accertato che i bambini venivano “affidati” ad altre famiglie, in cambio di soldi o favori da ripagare per il sostegno dato al “generalissimo “ durante il colpo di Stato. Ostetriche e medici venivano pagati per mentire, spesso con la connivenza e complicità di suore e religiosi che agivano “in nome di Dio e della Patria”. Piero Badaloni ha lavorato per anni a fianco di Mar Soriano, seguendo gli sviluppi della sua storia e quella di un’intera nazione, ha raccontato gli ostacoli posti da chi aveva l’interesse a insabbiare le indagini e non far riemergere un’altra pagina drammatica della dell’Europa contemporanea.

Prezzo di copertina € 17,50

Commenti

Post popolari in questo blog

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron