Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2013

Il gioco tra di noi di Lisa R. Jones

Immagine
Sara McMillan si ritrova per caso a occuparsi di un vecchio magazzino abbandonato, dove recupera il diario segreto di una ragazza di nome Rebecca. Tremendamente incuriosita, Sara comincia a leggere, ma il contenuto di quelle righe la intriga e la sconcerta al punto da non riuscire a smettere. Si tratta infatti di un diario erotico in cui Rebecca ha raccontato dettagliatamente le sue performance sessuali con un uomo che la dominava. Sara è turbata ed eccitata al tempo stesso: la vicenda la sta coinvolgendo profondamente e decide che vuole sapere di più su questa sconosciuta e restituirle il diario. Si reca dunque alla galleria d'arte dove la donna lavorava, ma nessuno sembra sapere niente di lei: Rebecca è scomparsa. Cosa può esserle successo? Sara è determinata a portare a termine questa missione ma, senza accorgersene, un po' alla volta, si trova a ripercorrere gli stessi i passi della vita di Rebecca, che piano piano diventa la sua. Viene infatti assunta al suo posto alla ga…

Il gioco di Ripper di Isabel Allende

Immagine
Per Amanda e i suoi amici Ripper era solo un gioco. Ma quando San Francisco è scossa da una serie di misteriosi omicidi, Amanda sembra l’unica in grado di risolvere l’enigma.
Le donne della famiglia Jackson, Indiana e Amanda, madre e figlia, sono molto legate pur essendo diverse come il giorno e la notte. Indiana, guaritrice in una clinica olistica, è una donna libera e fiera della propria vita. Sposata e poi separatasi molto giovane dal padre di Amanda, è riluttante a lasciarsi coinvolgere sentimentalmente, che sia con Alan, ricco erede di una delle famiglie dell’alta borghesia di San Francisco, o con Ryan, enigmatico e affascinante ex navy seal, ferito durante la sua ultima missione. Mentre la madre vede soprattutto il lato buono delle persone, Amanda, come suo padre, ispettore capo della Sezione Omicidi della polizia di San Francisco, è affascinata dal lato oscuro della natura umana. Brillante e introversa, appassionata lettrice, dotata di un eccezionale talento per le indagini crim…

La voce degli uomini freddi di Mauro Corona

Immagine
La storia di un paese dove nevica anche d'estate e gli uomini hanno la pelle fredda...
Un paese lontano, sperduto tra le montagne, fatto di anime solitarie appese alle rocce, dove nevica in ogni stagione dell'anno, dove la gente ha la faccia bianca di chi sta sempre al chiuso, e il carattere silenzioso e gelido delle nevicate. Lassù vivono donne e uomini soffiati nella neve, statue di ghiaccio che nessun fuoco potrà mai sciogliere. Si allenano a resistere alla vita sfidando le avversità, il freddo, le difficoltà di coltivare la terra, il pericolo delle valanghe. Ogni sera si riuniscono accanto alle stufe e i vecchi, a voce bassa, cantano ai giovani i fatti che hanno accompagnato le loro giornate. Una storia che non deve essere dimenticata.
Mondadori, 18€disponibile dal 3 dicembre

'Masterpiece', talent per aspiranti scrittori.

Immagine
(AGI) - Roma, 15 nov. - E' il momento in tv anche per il talent per aspiranti scrittori. Ecco quindi arrivare 'Masterpiece', in programma da domenica 17 in seconda serata su Rai3, prodotto FremantleMedia e Rai in collaborazione con il gruppo RCS.
  Ambientato in uno studio del Centro di produzione Rai di Torino, in una prima fase andrà in onda per sei domeniche. Il premio consiste nella pubblicazione da parte di Bompiani in coedizione con Rai Eri e in collaborazione con Corriere della sera, del romanzo vincitore con una doppia distribuzione, in libreria e in edicola, con una tiratura iniziale di 100mila copie. Il vincitore sarà anche protagonista di un evento speciale al Salone del Libro di Torino. La giuria di 'Masterpiece' è composta da Andrea De Carlo, Giancarlo De Cataldo e Taiye Selasi e avrà il compito di valutare i concorrenti e proclamare il vincitore che accederà alla seconda fase del programma: otto prime serate in onda da febbraio 2014, sempre su Rai3, in…

Ricordami che devo ammazzarti di Tommaso Galligani

Immagine
Un uomo solitario, a bordo di una Panda scassata, percorre senza meta i boschi dell'Appennino tosco-emiliano in ricerca di un rifugio dalla fame e dalla follia esplose intorno a lui. La terra sembra essere giunta al capolinea per ragioni che nessuno riesce a spiegare: è di scena l'Apocalisse. Ma il fuggitivo non si arrende e continua a correre, cercando di sopravvivere e di incontrare un compagno di viaggio che lo aiuti a tirare avanti e... magari gli racconti una storia. Sì, perché in questo scenario catastrofico e grottesco, senza più valori, punti di riferimento o mezzi di comunicazione, forse l'unica forma di resistenza è proprio parlare, rievocare, narrare, tra le macerie, "il mondo di prima". E tra le righe delle storie "a catena" raccontate dal protagonista e dai personaggi nei quali egli si imbatte lungo la strada ubriaconi, spostati ed emarginati, ognuno con il suo carico di deliri - il lettore potrà scoprire, un colpo di scena dietro l'alt…

Premio Campiello Giovani 2014.

Partecipa al Premio Campiello Giovani 2014. La Fondazione Campiello ha pubblicato il bando per la diciannovesima edizione del concorso dedicato a giovani scrittori. In palio, oltre al prestigioso riconoscimento, la possibilità di una vacanza studio di due settimane in un paese europeo. Il concorso è rivolto a giovani tra i 15 e i 22 anni, sia italiani che europei. I ragazzi che vogliono partecipare dovranno inviare entro il 15 gennaio del 2014 un racconto in lingua italiana, a tema libero, della lunghezza minima di 10 cartelle e massima di 20. Una giuria composta da Letterati e lettori delle case editrici selezionerà le opere migliori che passeranno ad una seconda selezione. Di qui usciranno i migliori venticinque racconti di cui solo cinque, selezionati dalla giuria del Premio Campiello, arriveranno in finale. Le cinque opere finaliste verranno raccolte in un volume istituzionale della Fondazione e il vincitore avrà diritto a un viaggio studio in un paese europeo. Per partecipare dov…

Roberto Saviano legge Primo Levi

(AGI) - Roma, 5 nov. - Roberto Saviano legge Primo Levi e sceglie Se questo è un uomo. "Leggere Se questo è un uomo cambia il tuo modo di sentire: è un cataclisma che non ha mai smesso di muoversi e di attraversarmi", ha detto Saviano, che in questo audiolibro (edizioni Emons) in uscita domani 6 novembre da' voce alle parole che lo scrittore torinese non ha mai smesso di cercare per raccontare l'atrocità della deportazione e del campo di sterminio di Auschwitz, in cui venne internato dal febbraio 1944 al 27 gennaio 1945.
  "Se questo è un uomo" è un'opera imprescindibile per comprendere il Novecento e l'animo umano, "il libro che più di ogni altro ha determinato la mia visione della letteratura", spiega Saviano. "Leggere Levi -aggiunge- è qualcosa che coinvolge non solo tutto te stesso, tutto ciò che hai fatto e farai ma è anche una scelta. Dare la tua voce a quelle parole: ci riuscirai? Come ci riuscirai? Cosa succederà? Chi ti ascolt…

L'insignificanza è l'essenza della vita di Milan Kundera

Immagine
‘Gettare una luce sui problemi più seri e al tempo stesso non pronunciare una sola frase seria, essere affascinato dalla realtà del mondo contemporaneo e al tempo stesso evitare ogni realismo – ecco La festa dell’insignificanza. Chi conosce i libri di Kundera sa che il desiderio di incorporare in un romanzo una goccia di «non serietà» non è cosa nuova per lui. Nell’Immortalità Goethe e Hemingway se ne vanno a spasso per diversi capitoli, chiacchierano, si divertono. Nella Lentezza, Vera, la moglie dell’autore, gli dice: «Mi hai detto tante volte che un giorno avresti scritto un romanzo in cui non ci sarebbe stata una sola parola seria ... Ti avverto però: sta’ attento». Ora, anziché fare attenzione, Kundera ha finalmente realizzato il suo vecchio sogno estetico – e La festa dell’insignificanza può essere considerato una sintesi di tutta la sua opera. Una strana sintesi. Uno strano epilogo. Uno strano riso, ispirato dalla nostra epoca che è comica perché ha perduto ogni senso dell’umor…

'Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza' di Luis Sepulveda

Immagine
Le lumache che vivono nel prato chiamato Paese del Dente di Leone, sotto la frondosa pianta del calicanto, sono abituate a condurre una vita lenta e silenziosa, a nascondersi dallo sguardo avido degli altri animali, e a chiamarsi tra loro semplicemente "lumaca". Una di loro, però, trova ingiusto non avere un nome, e soprattutto è curiosa di scoprire le ragioni della lentezza. Per questo, nonostante la disapprovazione delle compagne, intraprende un viaggio che la porterà a conoscere un gufo malinconico e una saggia tartaruga, a comprendere il valore della memoria e la vera natura del coraggio, e a guidare le compagne in un'avventura ardita verso la libertà. Età di lettura: da 9 anni.Storia di una lumaca che scoprì l'importanza della lentezza Autore
Sepúlveda LuisPrezzo € 10,00