Sbagliando l'ordine delle cose di Alessandro Gassman


C'è un padre, Vittorio, e c'è un figlio, Alessandro.
C'è un uomo che da figlio è diventato padre, e che decide di mettere in scena l'esperienza più comune e meno comunicabile della vita: il rapporto con chi ci ha generato, sospeso tra conoscenza intima e irriducibile estraneità, amore e conflitto, eredità e libertà.
In Sbagliando l'ordine delle cose Alessandro Gassmann racconta la sua storia, le sue passioni, le sue emozioni, i suoi dolori, fino al lutto per la morte del padre. Ha voluto per questo libro un titolo che non odorasse di dolciastro, ma contenesse un'inquietudine, raccontasse i suoi sbagli, le false partenze, le sfide più dure. Qualcosa che evocasse un disagio e anche la sua storia dentro una famiglia celebre, numerosa, impegnativa.
In cui tutti parlavano lingue diverse provenendo da diverse culture.

Sbagliando l'ordine delle cose perché si può partire sognando di fare il pugile per disciplinare una primitiva, ancestrale e incontenibile violenza e poi diventare un attore assai fine.

Sbagliando l'ordine delle cose perché si può fare l'attore e poi andare in scena davanti al pubblico massacrati da furibondi attacchi di panico.
Sbagliando l'ordine delle cose perché si può andare male a scuola, cacciati da tutte le scuole di Roma, fare a botte, posare nudo per un calendario sexissimo che fa impazzire tutte le donne, ma poi mettere in scena elegantissimi testi di Thomas Bernhard e William Shakespeare.
Sbagliando l'ordine delle cose perché la bellezza è un involucro, il talento un risultato, ottenuto con la fatica, la paura, il coraggio di accettare ogni sfida. A teatro, al cinema, in tv . Nella vita. Con intensità fisica e poesia.
Perché poi, Sbagliando l'ordine delle cose, ogni figlio diventa un padre.


Prezzo € 18,00
Editore Mondadori

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron