I libri aiutano i bimbi a crescere

Leggere ogni giorno, adattare le letture all'eta', andare insieme in biblioteca. Sono alcuni consigli per aiutare i genitori a 'sfruttare' la potenzialita' della lettura nello sviluppo dei bambini. Indicazioni diffuse oggi a Verona, al Teatro Nuovo, in occasione del decimo anniversario del progetto di responsabilita' sociale di GlaxoSmithKline 'Leggere per Crescere', esperienza nata sulla scorta di 'Born to Read', messo a punto negli Stati Uniti negli anni '90 dall'Associazione dei Bibliotecari americani per favorire attraverso la lettura ad alta voce lo sviluppo mentale dei piccoli e l'amore per i libri.
Un 'allenamento' quotidiano quello con le parole lette che puo' cominciare dalla culla, a partire dai 6 mesi. La lettura e il racconto sono strumenti semplici ma efficaci non solo per far crescere meglio i piccoli, ma anche per migliorare il rapporto genitori figli. Ecco dunque le regole degli esperti per utilizzarli al meglio: -1) Dedicare quotidianamente tempo a 'raccontare' al bambino; 2) Parlare regolarmente con il pediatra e l'educatrice per condividere ed aggiornare i progressi fatti; 3) Seguire le reazioni del bambino: a volte puo' sembrare insofferente, ma basta modificare il tono del racconto per risvegliarne l'interesse; 4) Non puntare sulla quantita', ma sulla qualita' del racconto e del rapporto che s'instaura con il bimbo; 5) Non impegnarsi a cercare linguaggi e toni specifici. L'ideale e' parlare come si fa nella vita di ogni giorno; 6) Sfruttare al meglio sguardi, ammiccamenti e cambio di tono per ottenere una comunicazione 'globale' con il bambino; E ancora : 7) Non utilizzare la lettura come 'sonnifero'. Il racconto e' utile quando il piccolo puo' percepirlo al meglio; 8) Adattare racconti e letture all'eta' del bimbo; 9) Insegnargli a recepire il libro come un regalo, alla stregua di un gioco; 10) Favorire le visite alle biblioteche per l'infanzia insieme ai genitori. Il rapporto con la lettura nei bambini cambia, ovviamente, con l'eta'. Ma puo' cominciare gia' molto presto, a partire dai sei mesi. E in ogni fase di crescita le diverse abilita' vengono sollecitate dal libro e dal racconto. I consigli, quindi, variano a seconda dell'eta'. A 6, infatti, mesi il bambino prende gli oggetti, li segue con lo sguardo se cadono. Inizia a gorgheggiare e ad emettere i primi suoni. E' attratto dalle foto e dalle figure del libro che cerca di prendere e di 'mangiare'. Ama le routine (es. la lettura della storia prima della nanna), le ninne nanne che accompagnano il suono della parola al movimento del corpo, al contatto fisico, alle sensazioni olfattive e visive, e, talvolta, anche gustative. A 9 mesi il piccolo sta seduto, afferra meglio gli oggetti, li ispeziona e li morde. I libri a questa eta' e fino a 12 mesi devono essere possibilmente resistenti, atossici, con colori vivaci e oggetti familiari o figure di bambini.
A un anno inizia i primi passi. Cerca gli oggetti nascosti, inizia a dire le prime parole. Tiene il libro, aiutato, e gira piu' pagine alla volta. I libri devono essere robusti e maneggevoli. Le figure preferite riguardano azioni familiari (mangiare, dormire, giocare) e piccoli animali, mentre i testi preferiti sono ad es. le filastrocche. Il contatto fisico con l'adulto e' fondamentale.
A 15 mesi osserva le espressioni dei genitori per essere approvato nelle sue esplorazioni, ripete e imita le espressioni, non ha la pazienza di stare seduto a lungo. Utili i libri con frasi brevi e facili, che il bambino possa imparare ad anticipare. (segue)
A 18 mesi cammina piu' sicuro, indica gli oggetti desiderati con l'indice, ha un vocabolario di diverse parole. In questa fase ama libri che parlano di animali (con versi buffi e rumori), di bambini, delle cose di ogni giorno, con frasi brevi e semplici.
A due ha un vocabolario di alcune decine di parole e inizia a combinare due parole in ogni frase. Trascina i libri in giro per la casa e 'legge' alle bambole. Ama le storie che danno l'opportunita' di identificarsi con i personaggi, che raccontano prove da superare, che fanno ridere.
Quando si passeggia con il bambino gli si possono leggere anche le scritte, i cartelli e i segnali.
A 30 mesi ha un vocabolario in rapida espansione, ha intenti comunicativi e comprende molto di piu' di quanto e' capace di esprimere, inizia a rappresentarsi in un'attivita' che ha fatto o che fare. In questa fase preferisce storie di bambini della propria eta' che narrano momenti di vita comune (andare a scuola o dal dottore), di amicizia, di fratelli o sorelle, ma anche libri fantastici, avventurosi.
I testi devono essere semplici, o si possono semplificare, in modo da poter essere memorizzati, 'letti' autonomamente, o in modo che il bambino possa concludere la frase iniziata dall'adulto. Le fiabe tradizionali (e in particolare quelle ''del perche''' - animali parlanti che spiegano le cose) aiutano anche a proiettare all'esterno le paure e le emozioni che il bambino ha dentro di se'. Al bambino piace scegliere la storia e gli piace anche farsela leggere molte volte. http://www.adnkronos.com

Commenti

Post popolari in questo blog

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron