I fantasmi di Roma di Fabrizio Falconi

La storia della citta' eterna attraverso i suoi misteri, le sue inquietanti presenze, le sue figure spettrali. E' quanto racconta Fabrizio Falconi nel libro ''I fantasmi di Roma'' scritto per la Newton Compton. E' la storia millenaria della citta' dei papi e degli imperatori e' ripercorsa attraverso i racconti dei suoi fantasmi, delle sue presenze occulte chiamate a rivivere e ad animare le pagine di questo libro. Un volto diverso di Roma, che ne fa emergere i tratti magici, legati alle religioni e ai riti misterici del passato, alla tradizione etrusca, ai culti orientali, per arrivare alla cristianizzazione dei primi secoli dopo Cristo.
Un libro che traccia, ripercorrendo vie, quartieri, spazi inconsueti della citta', un percorso alternativo, legato alle leggende e alle superstizioni che hanno per protagonisti personaggi e luoghi, alcuni molto noti, altri tutti da scoprire. Si passa dai fantasmi che, si dice, infestino i teatri della citta' antica e imperiale, fino a quelli scaturiti dai roghi e dai processi della Santa Inquisizione, per arrivare ad alcune presenze piu' vicine a noi. Lo spirito di Messalina, le ombre che frequentano le catacombe cristiane, e persino i fantasmi di Shelley e Keats: una finestra su una Roma piu' misteriosa, piu' inquietante, esoterica e dal fascino sorprendentemente insolito.

Tra i vari argomenti i fantasmi dei gladiatori e le belve fantasma del Colosseo; il Pantheon, monumento esoterico per eccellenza, e i suoi abitanti misteriosi; i Borgia a Roma, una storia di fantasmi; il fantasma dei Cappuccini e il racconto gotico di Hawthorne; Shelley e Keats, fantasmi a Roma; il cimitero dei pellegrini di Viale Tiziano e le voci notturne; il quartiere Coppede', set per Dario Argento e i suoi fantasmi.

Il fantasma di Messalina, dissoluta moglie dell’imperatore Claudio
Nei giardini di Colle Oppio, nel cuore della Roma archeologica più nobile, tra le rovine della domus Aurea e le vestigia solenni del Colosseo, mentre i romani dormono, sembra si aggiri ancora oggi uno dei fantasmi più celebri, quello che appartiene alla dissoluta Messalina. E questa testimonianza sembra non sia dovuta soltanto all’effetto dei fumi dell’alcool sui clochard della zona, che trascorrono d’estate e d’inverno le loro notti all’addiaccio sulle panchine dei celebri giardini, oggi adibite anche a improvvisato ricovero per molti senzatetto. No, il mito del fantasma della potente e disperata Messalina, che fece della sua vita un inno all’autodistruzione, è alimentato da secoli, e ricorre nei racconti e nelle cronache di epoche differenti della storia capitolina.
Non può essere un caso, del resto, che tra i molti celebri personaggi femminili che hanno animato la millenaria storia di Roma sia stata proprio Messalina, che poteva sembrare destinata a un rapido oblio, a diventare invece la preferita in senso assoluto delle grandi opere di finzione cinematografica. Forse soltanto a Messalina è stato riservato l’onore, ad esempio, di almeno diciassette grandi film che la vedono protagonista, e che ne raccontano le gesta nel caratteristico stile peplum che ha nutrito l’immaginario di intere schiere di spettatori.

€ 12,90
Editore
Newton Compton
Data uscita
21/10/2010

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron