Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2010

Zecharia Sitchin si è spento lo scorso 9 ottobre

La notizia è trapelata con massima discrezione, su espressa richiesta dei congiunti, ma stamattina è arrivata la conferma. Zecharia Sitchin si è spento lo scorso 9 ottobre nella sua città natale di Baku, capitale dell'Azerbaijan (nel Caucaso).

Sitchin era un noto scrittore e divulgatore, attraverso le sue opere di successo, della teoria paleoastronautica e della archeologia misteriosa (pseudoarcheologia). Era conosciuto in ambito internazionale per le sue teorie sulla nascita dell'umanità per merito di una civiltà di origine aliena, che attraverso opere di modificazione genetica crearono l'uomo per "scopi puramente lavorativi". Sitchin portò a compimento i suoi scritti studiando le scritture Sumere da cui ne derivarono le varie interpretazioni di natura ufologica, bollate sempre dalla scienza convenzionale come pseudoscientifiche e inattendibili in quanto non supportate da alcuna evidenza o tesi scientifica. http://www.newnotizie.it


Bibliografia
* The 12th Pla…

Gran bella cosa è vivere, miei cari

Pubblicato nel 1962, un anno prima della sua morte in esilio a Mosca, Gran bella è cosa vivere, miei cari è un romanzo la cui gestazione ha accompagnato gran parte della vita di Hikmet. Pur trattandosi di un'opera di fiction, le vicende che Hikmet racconta sono attinte dalla sua biografia: sua è la voce del narratore, un uomo morso da un cane rabbioso che attende la fine del periodo di incubazione isolato in una capanna dell'Anatolia lasciandosi andare alle intermittenze della memoria e del cuore; suo è il "materiale di vita" che si accumula nelle pagine, gli squarci sull'infanzia, i momenti di attivismo politico, le sofferenze dell'esilio; suo l'incancellabile ricordo di un'amatissima donna, Anushka, sfuggente e contesa. Ma definire questo romanzo come semplicemente autobiografico sarebbe oltre modo riduttivo. Perché scorre nelle sue pagine una forza creativa che attinge alla poesia di Hikmet e a tutta la sua opera, in un singolare procedimento che s…

Annuncio di un quarto volume della saga Millennium

Il quarto volume della serie ''Millennium'' di Stieg Larsson esiste ma probabilmente non vedra' mai luce perche' esistono dei contrasti tra gli eredi dello scrittore svedese.
La conferma ufficiale dell'esistenza del manoscritto 'misterioso' e' arrivata ora dal padre dello scrittore, Erland Larsson, e dal fratello Joakim Larsson, che hanno rilasciato un'intervista alla rete televisiva americana Cbs. ''Io ho ricevuto una email di Stieg, dieci giorni prima della sua scomparsa, dove mi annunciava che il quarto libro era pressoche' completato'', ha detto il fratello del romanziere. Joakim ha aggiunto che suo fratello voleva fare di questo libro il numero 5 e non il numero 4 dei dieci previsti della saga, ''trovando la cosa assai affascinante''. Stieg Larsson mori' nel 2004 all'eta' di 50 anni, per un attacco cardiaco, pochi mesi prima che venisse pubblicato ''Uomini che odiano le donne'&…

DI COSA PARLANO LE DONNE QUANDO PARLANO DI FIGLI

Beatriz Galán, ha due figli, un marito e si ritiene una donna fortunata; Sara Fontacaba è madre adottiva di due bambini; Rosa Hernández è rimasta incinta sei volte e ha tre figli; Montse Vilà, single, ha avuto un figlio attraverso l’inseminazione artificiale; Daniela Kähler ha avuto un figlio appena trasferita dalla Germania in Spagna per cominciare una nuova vita...
Cinque donne raccontano la loro esperienza di madri. È un esperimento: si sono conosciute per caso e sono tutte in attesa di un figlio. Decidono di incontrarsi periodicamente per parlare e poi fissare sulla carta le loro emozioni. Un giorno i figli potranno leggere e capire meglio quel legame così speciale che hanno sempre dato per scontato. Parlano della felicità, del dolore, delle emozioni, delle paure. Del rapporto con il compagno, degli aspetti clinici, del parto, dell’allattamento. Il vissuto e il presente di queste donne è diverso, ognuna sceglie un suo linguaggio, un suo modo di raccontare, con sentimento e senza r…