La madre che vorrei di Olivia Lichtenstein

''Sono la tua migliore amica, Ros'', le aveva sempre detto sua madre Lilian. ''Nessun altro ti dira' mai la verita'''.
La verita' era che Ros non voleva - ne' le serviva - una migliore amica; ce l' aveva gia' a scuola. Quello che le serviva era una madre, non qualcuno che ritenesse suo costante dovere dirle le cose come stavano...''. Cosi' si apre 'La madre che vorrei' della scrittrice britannica Olivia Lichtenstein, che ha riscosso un grosso successo di critica e pubblico ('The Indipendent' lo ha definito il romanzo femminile del momento). Un libro acuto che con grande sensibilita' indaga l'amore conflittuale fra madre e figlia, un sentimento che alterna momenti di profondo affetto e ricerca di approvazione a momenti di irritazione e fuga. E' la storia di un passato di tensione e scontri; un dialogo interrotto, ma soprattutto una verita' inconfessabile che fatica a venire a galla. Ros e' seduta al capezzale della madre, osserva il suo viso addormentato. Svegliata dalla carezza della figlia, cerca a fatica di parlare. C'e' una cosa importante che le vuole dire, qualcosa che non puo' aspettare. Ma Ros non l'ascolta, presa dai suoi mille impegni. Le condizioni di sua madre non sono critiche, in fondo potranno sempre parlare domani. Ma nella notte Lillian si e' aggravata e le sue ultime parole nessuno le ha sentite. Oggi, un anno dopo, quel ricordo ritorna continuamente nella mente di Ros. Il vuoto e il senso di colpa le bloccano lo stomaco. Perche' Lillian voleva confidarle qualcosa di molto importante prima di morire e lei non l'ha ascoltata. Ed e' per cercare di rimediar al proprio errore Ros sale in soffitta. Dentro una vecchia valigia seminascosto tra vecchie lettere e fotografie, si trova un quaderno rilegato in pelle azzurra. E' il diario di Lillian, una donna bellissima e particolare, con una personalita' affascinante, ma anche imprevedibile e spesso gelida, che sembrava nascondere molti misteri dietro uno sguardo altero e impenetrabile.
L'autrice ha anche lavorato come regista di serie televisive e ha prodotto alcune commedie teatrali. Nel 2002 ha lasciato la BBC, per iniziare una carriera da freelance come produttrice e giornalista. Il suo primo libro le ricette di Chloe Zivago per il matrimonio e l'adulterio e' stato ed e' in corso di pubblicazione in 14 paesi.

Prezzo € 18,60
Editore Garzanti

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron