'Dracula: The Un-Dead' sequel del Dracula di Stoker

Ad oltre un secolo dalla sua originale pubblicazione (per l'esattezza 112 anni), 'Dracula' ha ora un sequel ufficiale, scritto da un discendente diretto di Bram Stoker (1847-1912).

Riprendendo in mano gli appunti manoscritti del suo illustre antenato di origine irlandese, il pronipote Dacre Stoker, con l'aiuto dello scrittore statunitense Ian Holt, ha scritto il seguito di uno dei più famosi romanzi gotici del terrore: si intitola 'Dracula: The Un-Dead' ed è stato pubblicato dalla casa editrice Dutton negli Stati Uniti, dalla HarperCollins in Gran Bretagna e dalla Penguin in Canada.

'Dracula: The Un-Dead' (pagine 432), scelto come titolo del sequel, è il nome originale del vampiro prima che l'editore inglese gli cambiasse il titolo in occasione della prima pubblicazione nel 1897. Il seguito è ambientato a Londra nel 1912, cioè nell'anno e nella città in cui l'autore Bram Stoker muore, e 22 anni dopo la messa in scena del suo terrificante romanzo, che iniziava il 5 maggio 1890 con la rivelazione del segreto del conte Dracula: egli era in realtà un terribile mostro che si nutriva del sangue dei viventi, in una parola un vampiro, che si accingeva ad azzannare la vecchia Inghilterra per prolungare ancora la sua insana esistenza.

I protagonisti del sequel sono gli stessi creati da Bran Stoker: la nuova avventura vede in primo piano il dottor Seward, che ora è un morfimomane, e il suo insegnante, l'esimio professor Abraham Van Helsing, esperto 'cacciatore' di vampiri. La storia prende le mosse con Quincey, il figlio di Mina e Jonathan Harker, impegnato in una complicata trasposizione teatrale della storia di Dracula, prodotta e diretta dallo stesso Bram Stoker. La messa in scena porterà Quincey a confrontarsi con i terribili segreti dei suoi genitori, ma prima che egli possa confrontarsi con il padre verrà trovato morto, impalato in Piccadilly Circus.

Dacre Stoker ha scritto il nuovo romanzo utilizzando uno stile narrativo capace di ricreare l'atmosfera della versione originale, rimanendo fedele anche all'atmosfera vittoriana del 'Dracula' pubblicato nel 1897. "Ho visto molte versioni cinematografiche del romanzo del mio antenato e sono rimasto sorpreso dal fatto che tutti abbiano compreso ben poco di esso - ha dichiarato Stoker junior - cambiando o eliminando parti essenziali e non cogliendo il vero significato dell'opera. L'intento mio e di Ian Holt è stato quello di recuperare per intero lo spirito primigenio di Dracula, un capolavoro della letteratura gotica dell'orrore".

http://www.adnkronos.com/IGN/

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron