I giovani leggono di più!

Usano Internet quasi quanto i libri, non più dei libri: sono piccoli d'età ma grandi lettori.
Ecco la fotografia dei 6-19enni italiani in base alle indagini Istat e NielsenBookScan presentate a Torino nell'ambito del convegno 'Bambini e ragazzi: come leggono e comprano oggi i clienti della libreria di domani', organizzato dall'Associazione Italiana Editori (AIE), in collaborazione con la Fiera Internazionale del Libro di Torino.

I libri battono internet e gli spettacoli sportivi nella giornata dei ragazzi, altro che degenerazione digitale. Dall'indagine, condotta su un campione rappresentativo di 20mila famiglie italiane, risulta che i libri, non scolastici, nei consumi culturali dei 6-19enni arrivano al quarto posto tv esclusa dopo cinema, pc e radio. E, a sorpresa, vengono prima di internet, degli spettacoli sportivi, persino di concerti e discoteche.

Il 56,6% dei ragazzi italiani fino ai 19 anni legge, il 53,3% usa internet, ''solo'' il 23,1% va ai concerti. Questo risulta ancora più marcato in alcune fasce d'età: basti pensare che nei ragazzini di 6-10 anni la lettura di un libro (non per motivi scolastici) è più comune dell'ascolto della radio e dell'uso di internet. E questo vale anche per gli 11-14nni, anche se già con uno ''stacco maggiore''.

Pc e Internet sono esplosi negli ultimi dieci anni. E i libri? Pure. I consumi culturali dei 6-19enni sono cambiati notevolmente tra il 1998 e il 2008. E' cresciuto dal 2000 al 2008 del 22% l'uso di internet e del 21,9% quello del pc. E la lettura? Cresciuta anche quella, passando dal 52,1% del 1998 al 56,6% del 2008. Non esiste, quindi, secondo l'Aie, alcun effetto sostituzione: i livelli di lettura tra chi usa il pc sono decisamente maggiori rispetto a quelli rilevati tra chi non usa il pc. Pagine dei libri e nuove tecnologie convivono dunque nel set dei consumi e delle generazioni giovani della popolazione italiana come nel loro immaginario e pratica tecnologica.

Per tutti questi motivi il mercato del libro per ragazzi continua a mostrare andamenti complessivamente migliori rispetto al più generale mercato della libreria + Internet, secondi i più recenti dati di NielsenBookScan. Se il mercato 'adulti' tra 2007 e 2008 rimane, nonostante la congiuntura economica e dei consumi delle famiglie, sostanzialmente stabile a valore (-0,6%), quello di bambini e ragazzi cresce del 10,0%. Tanto che su libreria e canali on line il libro per ragazzi pesa ormai per il 14,1% (nel 2007 era il 12,7%).

La crescita 2008 su 2007 del settore ragazzi è certamente dovuta al fatto che nel gennaio dello scorso anno era uscito l'ultimo volume della saga di Harry Potter. Ed è anche probabile che l'uscita del libro abbia fatto da ''effetto alone'' spingendo bambini e genitori a comprare anche altri libri. Tuttavia, se in termini assoluti il primo trimestre del 2009 fa segnare una flessione rispetto al corrispondente periodo dell'anno precedente (-22,8%), depurando i dati di mercato dall' "effetto Harry Potter", il primo trimestre di quest'anno fa segnare anche un andamento positivo, con un +0,4%.

http://www.adnkronos.com/IGN/hp/index.php

Commenti

Post popolari in questo blog

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron