'Nudo', un libro di pagine bianche.

Un libro così mancava.
E' uscito sabato, si intitola 'Nudo' e ha una particolarità: è un volume di sole pagine bianche. Ne conta ben 112 e costa 5 euro. A pubblicarlo è la casa editrice versiliese Giovane Holden edizioni, nella Collana che non a caso si chiama 'Battitore libero'. Ne sono coautori Cinzia Donati, Miranda Biondi ed Enzo Rielli. Il libro è una simpatica provocazione ma soprattutto un invito alla riflessione.
Nella quarta di copertina gli autori spiegano: ''Questo libro vi stupirà. Per la sua semplicità, per la limpidezza dei contenuti, per il messaggio forte che nasconde tra le pagine. Qualcuno ne rimarrà affascinato, qualcuno scandalizzato, qualcuno ammaliato, qualcuno si chiederà come sia potuto accadere che... Una cosa è certa: arriverete d'un fiato fino all'ultima pagina e vi accorgerete di non esservi annoiati''.

''Noi ci crediamo molto. D'impatto qualcuno forse dirà che si tratta di un libro difettato, che la copia giusta non e' quella che ha in mano, ma chissà. E' un invito a riflettere, ognuno vi legge ciò che vuole'', dice Cinzia Donati all'ADNKRONOS. E racconta: ''E' stato divertente vedere sabato, alla prima presentazione del libro, le facce delle persone a cui lo abbiamo regalato. Lo hanno scartato tutti insieme e lì per lì c'è stato il gelo. Poi l'idea è piaciuta, i miei amici giornalisti sono impazziti. Continuano ad arrivarmi messaggi ed email. Ognuno tirerà fuori da quelle pagine quello che vuole. Sperando però che servano a custodire pensieri, non la lista della spesa. L'idea della pagina non scritta è di sicuro semplice. Ma nasconde un messaggio più profondo. Insomma: 'leggere' per sperimentare''.

Il messaggio di questo libro con la copertina nera su cui campeggia un cervello grigio, è nelle ‘istruzioni per l’uso’: iniziare a leggere, nell’ordine, dalla prima fino all’ultima pagina. ‘’Perché mai, vi chiederete, decidere di pubblicare un libro bianco? Che domande! – spiegano le istruzioni degli autori - Perché di parole ne sono già pieni tutti gli altri. E quanti di questi libri – in cui pensieri, parole, concetti ed emozioni sono impressi classicamente a inchiostro – sono più bianchi di un libro dalle pagine bianche? Quanti di questi libri tradizionali sono scivolati via senza lasciare nulla, letti con la mente altrove? Piu’ in generale, diciamo che in questo mondo dove c’è tutto, tanto di tutto, troppo di tutto, tutto è già stato scritto etc. etc., un libro fatto di pagine bianche ci sembra un chiaro messaggio. Se non sapete che farne di un libro bianco… Beh… Avrete pure a casa, da qualche parte, un tavolino che traballa (vedere su Google alla voce “zeppa”)’’.
E dire che una volta la ‘pagina bianca’ era l’incubo degli scrittori.

http://www.adnkronos.com/IGN/hp/index.php

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron