Marked di P. C. e Kristin Cast.

Scritto a quattro mani da madre e figlia, Marked è nato per un pubblico di giovani-adulti, ma è il classico libro che può appassionare tutti, come Harry Potter o Twilight.

Il fantasy è donna? L'inchiesta di Wuz con la descrizione di questo genere letterario

Marked è un romanzo di formazione: protagonista è Zoe, una sedicenne americana che riceve il Marchio, cioè l'immagine di una mezzaluna sulla fronte, segno inequivocabile che è destinata a diventare un vampiro e che le impone di frequentare la Scuola della Notte, dove imparerà a gestire i suoi nuovi poteri. E a superare la solitudine e l'emarginazione, trovando il suo posto nel mondo.

Il tema del vampirismo è trattato con originalità, considerandolo come una particolarità genetica che si manifesta nell'adolescenza e che origina una trasformazione a cui non tutti si adattano, e a cui non tutti sopravvivono.

Madre e figlia: un rapporto spesso tormentato. Ma in questo caso siete riuscite ad andare così d'accordo da scrivere un libro a quattro mani. Com'è stato il lavoro? come vi siete divise i compiti? quale delle due è stata più critica e severa? e chi alla fine è stata più soddisfatta del lavoro svolto?

In realtà lavorare insieme è per noi più facile di quanto si possa pensare.
Io e Kristin abbiamo sempre avuto un ottimo rapporto e siamo sempre state abituate a comunicare. Così, quando ci mettiamo a scrivere un romanzo, prima di tutto confrontiamo le nostre idee, poi io scrivo l’intera prima bozza, e lascio delle note per Kristin. Poi lei legge il manoscritto, completa le parti che ho lasciato per lei, risponde alle mie note e aggiunge i suoi commenti.
Allora riprendo ancora io il manoscritto prima di mandarlo al nostro editore.
Io sono una scrittrice molto rigorosa. Ho esperienza (ho pubblicato 15 romanzi per adulti, scritti da sola) e fino all’anno scorso ho insegnato a tempo pieno in una scuola, mentre lavoravo ai romanzi, quindi ho dovuto imparare la disciplina.
Ma, quando il libro è finito, entrambe siamo soddisfatte e orgogliose di quello che abbiamo realizzato.

La storia ricorda in alcuni passaggi i "classici" contemporanei della letteratura di genere: da Harry Potter a Twilight. In tutti questi romanzi c'è un mix tra vita quotidiana e straordinari eventi più o meno soprannaturali, cosa che accade anche nella vostra storia. Come l'avete elaborata: partendo dalla vita quotidiana di una sedicenne, quindi dall'esperienza comune, sviluppando poi l'idea di renderla una vita "speciale", o invece siete partite dalle vicende più fantastiche, più incredibili, da ciò che nella vita di ogni ragazza non può esistere, aggiungendo poi elementi di normalità?

Questa è una domanda interessante!
Il mio agente mi ha dato l’idea di scrivere una serie ambientata in una scuola per vampiri, quindi direi che l’elemento fantastico è arrivato per primo.
Però credo che abbia influito anche la mia esperienza di insegnante, lavoro che ho svolto dal 1993, perché certe tematiche che trovate nel romanzo derivano dalle problematiche reali con cui ho visto che i giovani hanno a che fare.

Avete avuto qualche autore di riferimento? Avete letto molti romanzi di genere horror e sui vampiri?

Ho letto i classici sui vampiri: Dracula di Bram Stoker, Intervista col vampiro di Ann Rice, i libri di Chelsea Quinn Yarbro. Ma questo è stato molti anni fa.
Non leggo romanzi sui vampiri per giovani adulti; anzi, non leggo proprio romanzi per giovani adulti quando scrivo per questo pubblico. Quando leggo mi piace evadere, e l’unica voce di ragazzina che risuona nella mia testa dovrebbe rimanere quella che creo io stessa.
Però amo molto la ricerca, e ho approfondito i temi dello sciamanismo celtico, della tradizione Wicca e delle leggende degli indiani d’America, che fondano le basi del mondo della Casa della Notte.

Avete pensato sin dall'inizio a un target particolare di lettori, per età e/o per sesso?

Abbiamo pensato agli adolescenti, dai 16 anni in su; ma non a ragazze o a ragazzi.

Le storie fantasy/horror sembrano preferire protagoniste femminili in questo momento. Perché? Una possibile spiegazione è che le ragazze sono lettrici più forti dei coetanei maschi, oppure...

Non posso certamente parlare per gli altri scrittori, ma nei miei libri si trovano eroine e, più in generale, personaggi femminili molto forti perché credo che sia importante dare potere alle giovani donne di oggi.

E perché a scriverle sono prevalentemente donne?

Però ci sono molti autori (inteso come uomini) di romanzi horror o fantasy per giovani adulti che hanno avuto successo: solo per citarne alcuni, Christopher Paolini, Philip Pullman, James Patterson.
Credo piuttosto che al giorno d’oggi le donne abbiano la stessa opportunità degli uomini di seguire i propri sogni, e quindi abbiamo iniziato a dominare un campo prima occupato solo da loro.
Così scriviamo storie sorprendenti che il nostro pubblico, costituito soprattutto da ragazze e giovani donne, è avido di leggere .

Marked avrà un seguito?

In America sono già usciti Betrayed, Chosen, Untamed e Hunted. Ma la storia di Zoe non è ancora conclusa

Li vedremo anche al cinema?

I produttori Michael Birnbaum e Jeremiah Chechik hanno opzionato i diritti cinematografici.


Marked
Autore Cast Kristen; Cast P. C.
Prezzo di copertina € 16,50
Editore Nord

http://www.wuz.it/

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron