Cose che voglio dire alle mie figlie


COSE CHE VOGLIO DIRE ALLE MIE FIGLIE

Elizabeth Noble
Traduzione di Rita Giaccari
Pagg. 378
€ 18.60
Narrativa
Collana: Romance
In libreria dal: 15 Gennaio 2009

Un amore grandissimo, quello che Barbara ha per le sue quattro figlie, un amore incondizionato, che non le impedisce comunque di vedere i loro problemi e i loro difetti.

Lisa, che anche se ha superato la trentina ancora fatica a prendersi impegni «da grande»;

Jennifer, intrappolata in un matrimonio in crisi, che le procura dolore e infelicità;

Amanda, la «viaggiatrice», sempre in giro per il mondo, in cerca di (o in fuga da) qualcosa,

e infine la giovanissima Hannah, figlia del secondo marito, che ha solo sedici anni, ed è nel pieno di un’adolescenza che si sta rivelando molto, molto difficile.

Barbara ha sempre retto le redini di questa famiglia a netta predominanza femminile con dolcezza e comprensione, ma ora ha capito che non c’è più tempo: un tumore se la sta portando via. Come se la potranno cavare nel mondo le sue figlie senza di lei?

Nei momenti di requie del suo male terribile, Barbara scrive, per raccontare alle figlie il suo passato, per spiegare alcune scelte, per far capire loro l’immenso bene che le avvolgerà e le proteggerà sempre, per aiutarle a venire a patti con la rabbia e il dolore. E nelle parole della madre, tra una rivelazione sconcertante e un tenero ricordo, tra una lacrima e una risata, Lisa, Jennifer, Amanda e Hannah troveranno anche la forza e il coraggio di affrontare i loro problemi, e capiranno che la vita, come l’amore, ti riserva sempre una seconda, meravigliosa possibilità...

UN BRANO
"Le mie meravigliose ragazze. Se leggerete queste pagine, sappiate che non contengono tutte, ma alcune delle cose che voglio che le mie figlie sappiano. E la più importante di tutte è l’amore. Vi prego, credetemi: voi avete tutto il mio amore. Un amore incondizionato, forte e grande. Così forte che non riesco a credere che morirà con me. Mi piace immaginare che sopravvivrà al mio corpo, e alla mia morte, come una piccola vite che crescerà e si farà strada fino al vostro cuore, che nulla potrà mai sradicare o distruggere e che vi sosterrà quando ogni altra cosa si sgretolerà o appassirà dentro di voi."

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron