LA MIA BIRMANIA

LA MIA BIRMANIA

La testimonianza del premio Nobel per la Pace

Suu Kyi Aung San - Alan Clements
Traduzione di Alessandra Petrelli
Pagg. 384
€ 18.00
Testimonianza
Collana: Dalla parte delle donne


Gli ultimi avvenimenti in Birmania hanno rivelato al mondo il nome di Suu Kyi Aung San, premio Nobel per la Pace nel 1991 e anima della resistenza del popolo birmano alla dittatura militare. Ma, questa donna minuta ed elegante, da dove trae la forza e la convinzione che le consentono di lottare con tranquillo eroismo contro la giunta al potere in Birmania? Rifiuta la provocazione, rifiuta la paura, rifiuta l’odio. Si ostina a cercare il dialogo. Come è riuscita a conservare la sua straordinaria pacatezza di fronte alle ingiurie, di fronte agli arresti – da anni è prigioniera nella propria casa e per più di due anni è rimasta senza notizia di suo marito e dei suoi figli – di fronte ai soprusi quotidiani?
Con una chiarezza e una semplicità ammirevoli Aung San Suu Kyi, in conversazione con il giornalista Alan Clements, risponde a questi interrogativi in un libro che è di scottante attualità e di saggezza senza tempo.

I GIUDIZI
"Fisicamente è elegante e minuta, ma in statura morale è un gigante."
Desmond Tutu, premio Nobel per la Pace 1984

UN BRANO
"Sappiamo che la sfida più grande è ancora davanti a noi e che la nostra lotta per instaurare una stabile società democratica oltrepasserà la lunghezza della nostra vita. Ma sappiamo di non essere soli. La causa della libertà e della giustizia incontra reazioni solidali in tutto il mondo. Persone pensanti e sensibili in tutto il mondo, di ogni fede e colore, comprendono il bisogno umano profondamente radicato di un’esistenza significativa che vada al di là della mera gratificazione di necessità materiali."

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron