Il cadavere in bicicletta e altri divertenti delitti


La fantasia irrefrenabile e la grande abilità narrativa di Riccardo Pazzaglia, scrittore satirico, non potevano non essere tentate dal gioco della sconsacrazione del romanzo poliziesco.

L'umorista "anglo-partenopeo" come viene a volte definito non per le sue discendenze britanniche ma per lo stile del suo humour, per dare un nome ai propri personaggi li prende dalla storia e dalla letteratura inglese, ma usa anche nomi del giallo classico che ci sono familiari da sempre.

Pazzaglia si beffa delle convenzioni narrative: gli indizi materiali, le false supposizioni, il ribaltamento delle aspettative. Il colpevole non cade mai in trappola ma resta sconosciuto, l'intreccio non si scioglie, ma alla fine di ogni racconto l'autore manifesta il dubbio che il lettore, messo a così dura prova, possa rintracciarlo e vendicarsi, uccidendolo.

Il cadavere in bicicletta.
Sottotitolo: e altri divertenti delitti.
Con illustrazioni di Jacovitti
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 21,5 x 15); 272 pagine; alcune illustrazioni in b/n e a colori

Luogo, Editore, data: Palermo, Dario Flaccovio, ottobre 2006
Collana: Gialli-horror-noir
Prezzo: Euro 13,50

Commenti

Post popolari in questo blog

'IL CANTICO DELLE CREATURE' ILLUSTRATO PER BAMBINI

"La storia generale dei pirati", del Capitano Charles Johnson

'Schifoso traditore. Come riconoscere le tracce dell'infedeltà' di Alberto Caputo, Alessandro Calderoni, Silvia Jun, Paolo Baron